Nel weekend la Scuola di Pallavolo Anderlini è stata protagonista di un meeting internazionale ad Avignone per il progetto co-finanziato dall’Unione Europea FUNball.

Il programma, avviato ufficialmente il 1 gennaio 2018 e attivo fino al 31 dicembre 2019, ha come obiettivo primario la costruzione di programmi didattici consolidati e salutari volti alla pratica del minivolley nella fascia 6-9 anni (Building solid and healthy FUNdamentals for volleyball in early age 6-9 groups – new training FUN for volleyBALL program). In generale, il progetto è volto a promuovere attività di volontariato nello sport, insieme all’inclusione sociale, alle pari opportunità e alla consapevolezza dell’importanza dell’attività fisica che migliora la salute attraverso maggiore partecipazione e parità di accesso allo sport per tutti.

La partnership collaborativa dedicata agli eventi sportivi non-profit coinvolge sette realtà internazionali da cinque diverse nazioni europee, Croazia, Italia, Francia, Slovenia e Slovacchia. Tutti i partner hanno un forte background di implementazione e divulgazione della pallavolo, risultati tecnici e accademici. Ecco le organizzazioni coinvolte: Zagrebački Odbojkaški Savez (Croazia); HAOK Mladost di Zagabria (Croazia); L’Avignon Volley-Ball (Francia); Odbojkarski Klub Sempeter (Slovenia); VK Ekonom SPU Nitra (Slovacchia); KIF, la facoltà di chinesiologia di Zagabria (Croazia); e infine a rappresentare l’Italia vi è la Scuola di Pallavolo Anderlini.

Dopo il primo kick off meeting di Zagabria, a febbraio, il secondo incontro ha fatto capolino ad Avignone, in Francia, dove tutti i partner si sono riuniti per inIziare a strutturare la fase operativa del progetto. In questa occasione Serena Marrone e Federica Stradi si sono fatte portavoce del progetto S3 promosso dalla Fipav.

La prossima tappa è in programma a Modena domenica 24 giugno, in occasione della Nation League.