Le formazioni della serie C Anderlini escono un po’ ammaccate dal week end appena trascorso.

Nel campionato femminile, la sfida giocata venerdì nella palestra Bodoni è stata contro l’Asd Coop Parma, ed è finita 3-0. A giochi fatti, il dirigente Pier Paolo Zanasi ironizza sul risultato non nascondendo l’esodo infelice: “Nella fatal Parma nel mezzo del cammin di nostra vita, che la diritta via era smarrita… troviamo l’autostrada in 70 minuti con un 3-0 da dimenticare”.

Il tabellino segna che i parziali sono stati vinti da Coop Parma 25-22, 25-23 e 25-22.

Non è per nulla soddisfatta l’allenatrice Roberta Maioli: “È stata una partita, nonostante i risultati dei set che sembrano darla punto a punto, mal giocata da noi. Con un atteggiamento scarico, poco convinto, quasi con il timore di affrontare la gara e di sbagliare. Non siamo mai riuscite a tenere in mano la situazione nemmeno per un momento, hanno dominato gli altri dall’inizio alla fine. Abbiamo fatto acqua un po’ da tutte le parti. Anche sulle nostre sicurezze, come ad esempio la ricezione, che è sempre stato un fondamentale che non è mai sceso sotto certi livelli, anche lì abbiamo subito abbastanza”.

C’è una piccola luce nel buio? Sì, come sempre. “Metterei in risalto l’atteggiamento positivo della nostra alzatrice, Alice Trovarelli, che era da sola, senza modo di avere un appoggio durante la gara, ma che ha messo tutto quello che poteva mettere. – conclude Maioli – È stata proprio brava, è riuscita a dare una scossa alla squadra”.

La serie C maschile porta invece a casa dalla trasferta altri due punti, con una vittoria 2-3 contro il Panificio Pagnoni Rimini. L’Anderlini si porta in vantaggio fin da subito, vincendo il primo set 19-25. I padroni di casa pareggiano 1-1 con la conquista del secondo set 25-21 e si portano in vantaggio con il parziale successivo (25-23). I ragazzi della Scuola di Pallavolo riescono a conquistare il diritto al tie-break vincendo il quarto set 19-25. È la salvezza per i due punti: l’Anderlini arriva per prima a 15 (10-15) e vince in 5 set.

Ma l’allenatore, Alberto Di Mattia, non è soddisfatto. Sapeva che i ragazzi potevano dare di più. “Sinceramente è stata una bruttissima partita. Una gara nervosa, in cui sentivamo molta pressione perché volevamo muovere la classifica. Oltretutto, nel secondo set, purtroppo si è fatto male Tudor Mustada, l’opposto titolare, che ha lussato una caviglia. È stato trasportato al pronto soccorso e penso che rimarrà ricoverato. Quindi non è andata benissimo, ho anche fatto molti esperimenti, però alla fine abbiamo portato a casa i due punti”.